Il giudizio della gente

Tutti vogliamo che il nostro cane sta bene. Tutti desideriamo vedere come brilla il suo pelo, come è umido il suo naso, e come è perfetto il suo fisico. Viviamo in un mondo che mette l'estetica al primo posto, ce lo dimostra la pubblicità, i social. Questo non vale solo per l'essere umano, ma anche per gli animali.

Che fare quando di punto in bianco il nostro cane inizia a presentare dei problemi di salute visibili a tutti?

Ricordo che anni fa - in qualità di nutrizionista barf - ho avuto l'onore di seguire una boxerina con la pelle devastata. Non si è mai veramente capito il motivo, ma insieme agli sforzi e alla incredibile forza di volontà della proprietaria siamo riusciti a migliorare notevolmente la qualità di vita del cane.

Ancora oggi ho come stampato nella memoria la sofferenza della proprietaria quando portava in giro il suo cane. Sguardi accusatori, addirittura qualcuno si permetteva di accusarla di maltrattare il suo cane, senza assolutamente conoscere la situazione!

A distanza di anni, ora io mi trovo in questa situazione. Il mio cane ha forti problemi di pelle, con delle chiazze rosse, prive di pelo, soprattutto in faccia. Vista la sua intolleranza verso i farmaci ho deciso di curarlo omeopaticamente e in questo siamo seguiti da una brava veterinaria. La situazione è tutt'altro che facile: i miglioramenti ci sono, abbiamo capito la causa, bisogna solo avere molta pazienza e perseveranza. La sua vitalità è sempre ottima malgrado la sua età avanzata, mangia con piacere e partecipa alla vita di famiglia.

Quello che mi ha causato non pochi problemi negli ultimi mesi, è stato il giudizio della gente. Senza nemmeno conoscere la nostra situazione, molte persone si sono permesse di esprimere giudizi, fare commenti, spostarsi al nostro arrivo e lanciare sguardi che non avevano bisogno di sottotitoli.

Il mio cane non era particolarmente impressionato da tutto ciò, era decisamente un mio problema! Ma io so che lui percepisce molto bene le mie emozioni che senza volere condivido con lui. Non ci servivano emozioni negative, ambedue avevamo bisogno di sostegno e positività.

Ora va meglio, mi sono abituata, ho i miei metodi per mantenere calma la mente e di ignorare certe reazioni. Ma un appello al buon senso lo vorrei lanciare: per favore, non giudicate situazioni che non conoscete. Potreste fare parecchi danni ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*